Workshop e Interviews




Interviste Esclusive al gruppo LPD Blues Trio -
- Lavezzo Gianluca - Voce, Chitarra
- Massimo Ponzano - Voce, Basso
- Enrico Davite - Batteria


Lavezzo "LAVIS" Gianluca - di Ginestri Massimo
Intervista Esclusiva a Gianluca Lavezzo


 Intervista a Gianluca Lavezzo



Massimo "Max" Ponzano - di Ginestri Massimo
Intervista Esclusiva a Massimo Ponzano

 Intervista a Massimo Ponzano




Enrico "Il Treno" Davite - di Ginestri Massimo
Intervista Esclusiva a Enrico Davite

 Intervista a Enrico Davite


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Tratto da "Nel Cuore della strada...la vita in viaggio "


Cap. 1

Toccata e fuga

La sera è umida, oggi ha piovuto finalmente, mi guardo intorno, vedo le luci della città, il rosso del sole si scioglie col nero della notte che si avvicina. Resto in piedi assaporando il gusto del profumo del fieno appena tagliato. Due lunghe file di balloni di paglia proiettano le loro ombre sul campo di grano, in macchina la radio è ancora accesa, Willy ci tiene compagnia.


Mentre i pensieri affollano la mia mente Vik mi chiama: «Jey, vieni che ci striniamo un po’».
Lentamente mi giro e sorrido con lo sguardo di chi vuol farti capire che era proprio il momento giusto.
Ci sediamo sul prato con la faccia rivolta verso l’ultimo raggio di sole e ci accendiamo una canna. Passano pochi attimi lunghi un’eternità e il momento è sempre quello.
Il tempo è come se si fosse fermato all’improvviso, come se dall’ultima volta che abbiamo fumato si fosse congelato.
Passano gli attimi, i minuti, le labbra si seccano, gli occhi si socchiudono.
Guardo Vik e comincio a ridere, i muscoli della faccia si contraggono in un risolino sardonico. «Sono già fuso», gli biascico in un orecchio appoggiando la mano sulla sua spalla.
Vik si volta, gli occhi semichiusi, quasi incollati.
«C’è l’hai con me?!».
Capisco al volo com’è la situazione, mi rimetto in piedi, anche se è così faticoso alzarsi da strinato. Alzo lo sguardo e con gli occhi osservo il cielo, le luci delle stelle coronano la valle, il canto degli uccelli notturni ci fa capire com’è bello il mondo, poi giro su me stesso come una trottola e gli occhi si fissano sulla città.


.....






Serata turistico letteraria... — con Luisa Marchelli,Ginestri Massimo e Walter Devecchi 
presso Ivrea Cittá.




Si ringrazia: Agenzia Viaggi - A Partir da Qui

Walter Devecchi - Veratour