lunedì 25 luglio 2016

Continua... Da ora in poi, amici...

Continua...

Quella lunga giornata sembrò non finire mai, Ralph e Jack scesero dalla soffitta ricoperti da uno strato di nera polvere, ma entrambi con un sorriso che ne faceva risaltare i volti e la purezza delle loro anime ancora intonse, vergini.
Quanto resta di momenti così, lungo la propria esistenza? Quanto possono persistere i ricordi dentro una scatola vuota? Con il tempo il vento logora la superficie dei ricordi, come una statua in marmo, ne rimangono i contorni, a stento se ne riesce a  vedere la forma, tanto che spesso il suo contenuto resta immaginario.
Così il tempo che lavora sui ricordi, ne cancella i contorni, le sfumature più fini, man mano che scorre, i ricordi rimangono aggrappati gli uni agli altri, spesso confondendosi, ed allora, abbiamo la necessita di avere qualcuno vicino con cui li abbiamo condivisi, per ricostruirli, per rigenerarli.
Si perdono però, incondizionatamente, inevitabilmente,  tra i flussi del tempo e si mischiano con molti altri, fino a trasformarsi spesso in un’immagine vaga, eterea, a volte sfuggevole, così delicatamente fragile che la mancanza di qualcuno con cui hai assaporato la vita li rende vitrei, diafani, impalpabili, destinati all’inevitabilità dell’oblio.
Corsero dentro e fuori le stanze, tra i raggi di luci ed ombre, tra sussulti e stupore, tra paura e meraviglia.
Jack conosceva a menadito la vecchia casa e fece scoprire a Ralph un mondo completamente nuovo, così incredibilmente vicino e così drasticamente lontano dalla sua vita.
Erano una scatola vuota, un serbatoio da riempire, per poter sfruttare quell’energia che la vita ti da durante quegli anni in cui tutto ti è dovuto, in cui tutto ciò che impari a conoscere viene assorbito senza filtro, accumulato, stipato, aggiunto, conservato e gelosamente protetto per sempre, fino alla fine.
In quegli anni metti a cassa un credito che poi ti servirà per pagare i debiti ed appagare i  debitori, una moneta che non ha prezzo, una moneta che non puoi comprare, ma che ti può essere solo regalata.
Questo fecero Jack e Ralph, a partire da quella calda mattina d’estate, un patto non scritto, che li avrebbe tenuti insieme per la vita, arricchendoli entrambi, ricoprendoli d’oro e argento, come cavalieri destinati a chissà quale destino.
Di una cosa erano consapevoli, insieme si sarebbero completati, come il bianco e il nero, come l’acqua e il fuoco, insieme erano il tutto e il niente.
Il tempo volò veloce, mente il sole girava vorticosamente sopra le loro teste inclinando  le loro ombre sul terreno.
Si arrampicarono, sopra i vecchi incolti alberi da frutta che disseminavano il terreno ora di piccole mele verdi, ora di succulenti albicocche giallo oro, per spezzare la fame del caldo mezzogiorno e si divisero l’acqua della borraccia di Ralph e quel gustoso panino che aveva preparato la mattina presto senza farsi notare.
Fu rapidamente tardo pomeriggio e Jack fu costretto a separarsi da quel suo nuovo, unico, grande amico, a casa si stavano di sicuro preoccupando di lui, visto che non si era fatto vivo per tutta la mattina e nemmeno all’ora di pranzo, lo stesso valeva per Ralph, i suoi genitori sapevano delle sue fughe nei campi accompagnato da Bear, ma il fatto di non essere ritornato a casa per il pranzo, sarebbe stato sicuramente fonte di preoccupazione, considerando inoltre che Bear era rimasto legato alla catena.
Jack accompagnò Ralph verso  quel buco nella rete da dove era passato, davanti a quell’enorme siepe che nascondeva il giardino si strinsero la mano, poi Ralph strisciò al disotto, tra i rami e le foglie secche, di nuovo tra quelle appiccicose ragnatele che gli si incollarono sul volto e tra i capelli, infine, giunse aldilà, si alzò in piedi e salutando corse verso la sua bicicletta.
“Ci vediamo” gridò forte.
“Si, ci vediamo”, rispose il suo amico attraverso la siepe.
Salì rapido sul sellino e cominciò a pedalare veloce restando in piedi sui pedali, era così euforico, così felice, così sereno, si sentiva appagato.

Continua

Precedente

Vortice di pensieri. Massimo Ginestri ©